Il grande ritorno a D&D 3.5

La discesa nella fortezza…

... chiamate un idraulico!

I nostri eroi sono pronti per entrare nel pericoloso burrone che li conduce verso i segreti della fortezza.
Lo scoiattolo scende per primo senza nessun problema, ma non appena Uther scende sulla prima sporgenza, tre schifosissimi topi si lanciano all'attacco. I Nostri colti alla sprovvista subiscono l'attacco, ma dopo averne uccisi 2, il terzo impaurito scappa verso la sua tana.
Il gruppo prosegue incolume per le scale e arriva sul fondo del burrone. Lo spettacolo è impressionante. Una fortezza sprofondata nelle viscere della terra, ma non solo: l'intero primo piano (forse per l'impatto) è totalmente interrato.
Le scale conducono a quello che doveva essere il piano di un torrione, che si presenta invaso dai detriti di roccia dovuti alla caduta, con un unico accesso alla fortezza, una porta sualla parte opposta del torrione.
Camminare è difficoltoso anche perchè Uther incappa in una trappola. Fortunatamente con un gesto atletico rise a saltare e evitare di finire nel buco. Buco molto affollato. Infatti i nostri eroi trovano 2 scheletri di goblin e un cadavere, sempre goblin… inoltre un topo crudele intento a rosicchiare il suo pasto (il goblin). Infastidito dal crollo della struttura e dall'arrivo degli "intrusi" tenta invano di arrampicarsi sulla parete della fossa per un attacco disperato, ma cade e viene trafitto facilmente.
Il goblin dopo un attento esame era molto ricco! un po' di monete d'oro! Ma è il momento di entrare nella fortezza vera e propria. Una volta aperta la porta lo spettacolo non è dei migliori. Nella prima stanza circolare davanti a loro i nostri eroi vedono i resti di una battaglia. 4 goblin impilati uno sopra l'altro e uno infilzato al muro da una lancia. I cadaveri non hanno nulla addosso, ma una volta tolta la lancia dal goblin infilzato si vedono delle rune incise sulla pietra, sfortunatamente in una lingua incomprensibile.
Ma mai perdersi d'animo, il gruppo prende la prima porta a destra e… arriva in un lungo corridoio con una porta lasciata aperta. La curiosità è troppa… la porta mostra ai nostri eroi un barile di ferro con 2 tubi collegati ad esso che si infilano nel pavimento.
Nella testa dei nostri eroi c'è un solo pensiero… "APRI IL BARILE!!!!!! APRI IL BARILE!!!!!! APRI IL BARILE!!!!!! APRI IL BARILE!!!!!! APRI IL BARILE!!!!!! APRI IL BARILE!!!!!!" I due forzuti Kelsier e Uther si apprestano a forzare questo strano barile interamente in metallo.
Fanno forza e dopo un “pop” scostano il coperchio e vedono uno strano fluido… peccato che nel barile c’era anche un elementale dell’acqua! Rapido sbuca fuori dal barile e si mette ad attaccare tutti i presenti.
La battaglia è cruenta, ma dopo pochi colpi Drusilia lancia un suo incantesimo che non sortisce alcun effetto “Scappiamo!” si mette ad urlare l’elfa. Dopo un altro tentativo anche gli altri tre desistono e si ritirano. La creatura non accenna ad inseguire il gruppo, che riprende fiato nella stanza precedente.
Le botte sono state tante, ma la creatura non accennava a subire i colpi dei nostri eroi… ma fortunatamente c’è un’altra porta. Questa stanza risulta essere più tranquilla, ma svela al gruppo una cosa inquietante… una parete con dipinto un drago e una porta in pietra proprio in mezzo alle sue fauci.
Armati di coraggio i nostri aprono la porta… e trovano una stanza abbastanza anonima, con un piedistallo che regge un cristallo bualstro, con una strana musica nell’aria. Tutto molto strano… Infatti tutti tranne Uther vengono colpiti da un attacco irrefrenabile di paura e scappano all’inizio della fortezza. Uther decide allora di rompere il cristallo e di distruggere l’incantesimo. Una volta calmi tornano tutti sui propri passi.
I nostri superano anche un indovinello senza difficoltà e si ritrovano in un’altra molto più ampia, una grande stanza con un sarcofago, reso inaccessibile però da un fosso pieno di spuntoni aguzzi. Fortunatamente Drusilia scopre un passaggio segreto che permette di aggirare facilmente la fossa.
Una volta arrivati dall’altra parte i soliti Kelsier e Uther sollevano il sarcofago….. UNa bestia immonda si alza, un gigantesco troll con lineamenti da elfo! Era il sacerdote del drago!
La bestia comincia a menare fendenti, ma i nostri sono abili nell’indietreggiare con abile tattica. Stoico Kelsier si piazza davanti al troll e gli sferra il colpo decisivo che lo mette KO.
Un’epica battaglia che però ferisce gravemente Uther… se l’è vista davvero brutta.
Nonostante l’euforia della vittoria i maschi del gruppo iniziano una rissa da bar per spartirsi i tesori del mostro. 
Drusilia è letteralmente schifata…

Comments

Konsole Konsole

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.